Back to Top

Yogi Bhajan (eng)

Born Harbhajan Singh Puri, August 26, 1929, in the part of India that became Pakistan in 1948, he was the son of a medical doctor. He spent his youth in privileged environments in private schools and his summers in the exclusive Dalhousie mountain region of Himachal Pradesh. As a young boy he attended a Catholic… [continua...]

Tradizioni del clan sull’arte della guerra

Yagyu Munenori tratta dell’attitudine interiore al combattimento. Si sofferma sul non detto nella sua opera “Tradizioni del clan sull’arte della guerra”. Yagyu, andando controcorrente, dice che la vittoria si decide a grande distanza dal campo di battaglia, mentre le possibilità di ottenerla dipendono dalla mente. Il samurai non può accusare gli altri del suo fallimento.… [continua...]

La nascita dei Khalsa

Una volta conquistati la loro fiducia e il loro amore, Gobind sparse le sementi del Khalsa, “l’essenza della religione pura”, o anche “la purezza”.Nel giorno della festa annuale di Vaisakhi, mentre i discepoli gli si accalcavano intorno in gran numero, innalzò la sua tenda su un’altura, vicino Anandapur. Quando ai piedi di quella sommità si… [continua...]

La Lealtà per un Samurai

Le virtù dei samurai? Sono otto: la solidarietà, l’equità, la cortesia, la saggezza, la fedeltà, la lealtà, la pietà filiale e la cura degli anziani. Il coraggio è pleonastico. Il coraggio senza la saggezza, dice Confucio, è brutalità. Le virtù sono confuciane. Solidarietà significa usare la forza con moderazione. Essere equi significa saper stare al… [continua...]

Har Anand Singh

Rüdiger Tancke, geb. 1970, Vater, Architekt, Gemeinsam mit Noa Har Anand Kaur betreiben wir das Yogazentrum ´sohong´ – Leben in Balance – in 04277 Leipzig, Kochstr. 128 ((zwei große und ein kleiner Kurs+Seminar+Behandlungsra(e)um(e)) Ich biete an: mindestens einmal monatl.GONGMEDITATION, wöchentlich Mo+Do 17-19:00 und Di 09-11:00 GATKA (auch für teenies!!!), wöchentlich Di 20:15 und Fr 10:00… [continua...]

L’Amore della Spada

In tutta l’India, all’epoca, gli indù erano ferventi devoti della dea Durga o Chandi, alla quale venivano offerti quotidianamente sacrifici e preghiere. Era molto difficile spazzar via quella credenza radicata nell’animo dei Sikh. Il Guru* comprese che nella dea erano rappresentati e simboleggiati gli attributi e le energie di creazione, di conservazione e di distruzione… [continua...]